Registrazione degli atti privati con modello”F24″


Estensione dell’utilizzo del modello di versamento “F24” anche alle somme dovute in relazione alla registrazione degli atti privati (AGENZIA DELLE ENTRATE – Provvedimento 27 gennaio 2020, n. 18379).

Per il versamento dei tributi e dei relativi interessi, sanzioni e accessori dovuti in relazione alla registrazione degli atti privati è utilizzato il modello di versamento “F24”.
L’utilizzo del modello di versamento “F24” decorre con riferimento agli atti presentati per la registrazione dal 2 marzo 2020.
Le disposizioni del provvedimento in oggetto si applicano a tutti gli atti privati soggetti a registrazione (in termine fisso, in caso d’uso o presentati volontariamente per la registrazione) sulla base di quanto previsto dal testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro (DPR n. 131/1986).
Con risoluzione dell’Agenzia delle entrate saranno istituiti i codici tributo da utilizzare per i versamenti di cui sopra e sono impartite le istruzioni per la compilazione dei modelli di pagamento.
Restano ferme le modalità di versamento, tramite modello F24, già previste per le somme dovute in relazione alla registrazione dei contratti di locazione e affitto di beni immobili e alla registrazione degli atti costitutivi delle start-up innovative, nonché gli appositi codici tributo da utilizzare.
Periodo transitorio:
– per il versamento delle somme di cui sopra, fino al 31 agosto 2020 può essere utilizzato il modello F23, secondo le attuali modalità;
– a partire dal 1° settembre 2020 i suddetti versamenti sono effettuati esclusivamente con il modello F24.
I versamenti richiesti a seguito di atti emessi dagli uffici dell’Agenzia delle entrate sono effettuati esclusivamente con il tipo di modello di pagamento indicato nell’atto stesso.