Emergenza Covid-19 in Provincia di Bolzano: le misure di sostegno per famiglie e imprese


La Provincia di Bolzano, in aggiunta alle iniziative di sostegno nazionali previste dal Governo, ha introdotto una serie di misure a favore di famiglie e imprese al fine di contenere i danni economici causati dall’emergenza da COVID-19.

Sussidi a imprese agricole (Deliberazione provinciale 19 maggio 2020, n. 355)


Previsto un sussidio ad integrazione del reddito derivante dalle attività agricole e connesse che sono state pesantemente colpite dagli effetti della crisi dovuta dall’epidemia da Covid-19. Possono beneficiare dell’agevolazione le imprese agricole iscritte all’anagrafe provinciale delle imprese agricole che nell’anno 2020 hanno svolto in Alto Adige una o più delle seguenti attività:
– attività agrituristica;
– trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;
– attività di ortofloricoltura.


Inoltre, per poter beneficiare del sussidio, l’impresa agricola deve avere iniziato l’attività prima del 23 febbraio 2020 e in base all’ultima dichiarazione dei redditi presentata, deve avere realizzato un reddito imponibile non superiore a 50.000,00 euro.
Il sussidio è pari a:
– 3.000,00 euro per le imprese agricole che hanno iniziato l’attività dal 1° gennaio 2019;
– 5.000,00 euro per le imprese esercenti attività agrituristica e di produzione e commercializzazione di prodotti agricoli che nell’anno 2020 hanno subito una riduzione di fatturato di almeno il 20% rispetto al 2019;
– 10.000,00 euro per le imprese esercenti attività di ortofloricoltura che nell’anno 2020 hanno subito una riduzione di fatturato di almeno il 20% rispetto al 2019.


La richiesta deve essere presentata online, tramite il servizio e-government dell’Amministrazione provinciale “Covid-19″ – Sussidi alle imprese agricole”, entro il 30 settembre 2020.


Misure temporanee a sostegno delle imprese dei settori artigianato, industria, commercio e servizi, turismo e agricoltura (Deliberazione provinciale 15 aprile 2020, n. 258).


Alle imprese di tutti i settori economici, incluso il settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, è concessa la sospensione fino a 24 mesi del pagamento della quota capitale di mutui o finanziamenti leasing agevolati, concessi ai sensi della legge provinciale 15 aprile 1991, n. 9.
La sospensione può riguardare quattro rate semestrali nel caso di mutuo e 24 rate mensili nel caso di finanziamento leasing, e comporta il prolungamento proporzionale della durata del mutuo ovvero del finanziamento leasing.


Sospensione versamento scadenze extratributarie (Ordinanza provinciale 23 marzo 2020, n. 13)


Sono sospense le scadenze dei termini di versamento, scadenti nel periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020, afferenti a debiti di natura extratributaria di imprese, liberi professionisti, enti e organizzazioni private e cittadini nei confronti della Provincia Autonoma di Bolzano, ad esclusione delle sanzioni amministrative e dei debiti derivanti da provvedimenti giudiziari esecutivi.
I versamenti oggetto di sospensione, senza applicazione di sanzioni ed interessi, devono essere effettuati in unica soluzione entro il 30 giugno 2020.


Sospensione versamento tributi locali (Ordinanza provinciale 26 marzo 2020, n. 14)


Sono sospensi i termini dei versamenti dei seguenti tributi comunali:
– Imposta municipale immobiliare;
– Tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche;
– Imposta comunale sulla pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni;
– Imposta di soggiorno nelle ville, appartamenti ed alloggi in genere, e la sospensione dei termini di versamento del canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.


La sospensione opera nel periodo dall’8 marzo 2020 al 15 dicembre 2020 a favore dei soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato. I versamenti sospesi devono essere effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 16 dicembre 2020.
Le relative scadenze eventualmente previste per la presentazione, a pena di decadenza, di documenti e dichiarazioni sono altresì sospese durante lo stesso periodo e devono essere presentate al più tardi entro il 16 dicembre 2020;


Prevista l’esenzione dal pagamento dell’imposta comunale di soggiorno in caso di soggiorno nell’esercizio ricettivo e necessario quale conseguenza dell’esecuzione di misure urgenti per la prevenzione e gestione dell’emergenza da COVID-19 e per la durata necessaria ai fini di tali misure.


Sono altresi sospesi i termini di versamento delle seguenti tariffe comunali:
– tariffa per la gestione dei rifiuti urbani;
– tariffa per il servizio di idropotabile pubblico;
– tariffa relativa al servizio di fognatura e depurazione.


La sospensione vale nel periodo dal 8 marzo 2020 al 30 giugno 2020 a favore dei soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato. I versamenti sospesi devono essere effettuati, senza applicazione di penali eventualmente previste ed interessi, in un’unica soluzione entro il 1° luglio 2020.


Con riferimento alle entrate tributarie e non tributarie, sono sospesi i termini dei versamenti derivanti da ingiunzioni di pagamento emesse da Alto Adige Riscossioni SpA.


Sono altresì differiti i termini di presentazione delle domande di inesigibilità in conformità a quanto previsto dal decreto CuraItalia.


Per i giorni in cui a causa dell’esecuzione di misure urgenti per la prevenzione e gestione dell’emergenza da COVID-19 il servizio non è stato eseguito non sono dovute le seguenti tariffe:
– compartecipazioni tariffarie per i servizi di assistenza alla prima infanzia;
– rette delle scuole dell’infanzia;
– contributi per il servizio di mensa scolastica.


Gli importi eventualmente già corrisposti saranno resi, alla ripresa dell’erogazione del servizio in conguaglio con futuri importi dovuti o, in caso di rinuncia alla futura fruizione, saranno rimborsati su istanza.


Sospensione termini atti amministrativi (Decreto provinciale 19 marzo 2020, n. 4805)


Dal 9 marzo 2020 e fino al 31 maggio 2020, sono sospesi tutti i termini ordinatori e perentori previsti dalle disposizioni legislative e regolamentari, nonché da atti amministrativi generali provinciali, per l’adempimento di oneri, ivi inclusi quelli non documentali, posti a carico di imprese, cittadini e liberi professionisti in scadenza nel predet