Anche per il 2020 c’è il credito d’imposta per gli investimenti nelle regioni del centro/sud Italia


Prorogato fino al 31 dicembre 2020, il credito d’imposta riconosciuto alle imprese che effettuano investimenti nelle regioni centrali colpite dagli eventi sismici e alle imprese che acquistano beni strumentali destinati a strutture produttive ubicate nelle zone assistite del centro/sud Italia (art. 1, co. 218 e 319, L. n. 160/2019).

Il credito d’imposta riconosciuto alle imprese che effettuano investimenti nei comuni delle regioni Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo, colpiti dagli eventi sismici succedutisi dal 24 agosto 2016, è stato prorogato fino al 31 dicembre 2020. Il precedente termine era fissato al 31 dicembre 2019.
Il credito viene sempre attribuito nella misura del 25% per le grandi imprese, del 35% per le medie imprese e del 45% per le piccole imprese.


Anche il credito d’imposta riconosciuto alle imprese che invece acquistano beni strumentali nuovi, destinati alle strutture produttive ubicate nelle zone assistite delle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, Molise e Abruzzo, è stato prorogato fino al 31 dicembre 2020.